Profondo Rosso

di Dario Argento (Italia, 1975)

Solitamente, un grande ciclo si apre sempre con i fuochi d’artificio, per poi svanire lentamente nell’oblio. Dario Argento parte con il botto (“L’Uccello Dalle Piume Di Cristallo”) ma allo stesso tempo raggiunge il suo apice personale in ambito italian giallo proprio con “Profondo Rosso”, il suo quarto lungometraggio legato al genere di riferimento Continua a leggere

Pubblicità

La Necrofila

la necrofiladi Jacques Lacerte (Stati Uniti, 1972)

Uno dei temi più scabrosi affrontati dal cinema horror è quello della necrofilia. Fin dai tempi del controverso e censurato “L’Orribile Segreto Del Dr. Hichcock” (1962) di Riccardo Freda, sullo schermo si sono avvicendate decine di pellicole dedicate all’argomento, con risultati non sempre impeccabili: ricordiamo il morboso “Buio Omega” (1979), il perverso “Corpse Mania” (1981) e poi ancora Continua a leggere

Don’t Go In The House

don't godi Joseph Ellison (Stati Uniti, 1979)

La locandina è ingannevole. “Don’t Go In The House” non è un horror dedicato a una casa posseduta, ma è un film nel quale la dimora raffigurata nell’immagine è solo lo spazio di azione dove si muove Donny, un uomo traumatizzato fin da quando era bambino. La madre lo puniva severamente accendendo la fiamma della cucina e lasciando ustionare le braccia del piccolo, un gesto sadico che viene raccontato Continua a leggere