The Sadness

di Rob Jabbaz (Taiwan, 2021)

Il cinema taiwanese ci aveva già provato (nel 2012) ma senza lasciare traccia (il trascurabile “Zombie 108” ce lo ricordiamo in quattro). Dieci anni dopo, accade invece l’impossibile: un regista canadese (Rob Jabbaz) sbarca a Taipei e realizza uno dei film più ferali e depravati sul tema (zombi/infetti e dintorni), lasciando una lunga scia di sangue destinata Continua a leggere

Pubblicità

Vive L’Amour

vive l'amourdi Tsai Ming-Liang (Taiwan, 1994)

Nel 1994 il Leone d’Oro della celebre rassegna veneziana viene assegnato ex aequo a due pellicole: “Prima Della Pioggia” del macedone Milcho Manchevski e “Vive L’Amour” del regista malese naturalizzato taiwanese Tsai Ming-Liang. La scelta di premiare quest’ultimo si rivela alquanto audace, alla luce del linguaggio estetico molto minimale del film, un prodotto amato ma allo stesso tempo anche Continua a leggere

Rebels Of The Neon God

rebelsdi Tsai Ming-Liang (Taiwan, 1992)

L’esordio di Tsai Ming-Liang (classe 1957) è un film che non si dimentica. Con “Rebels Of The Neon God” (“I Ribelli Del Dio Neon”) il regista malese naturalizzato taiwanese entra nel gotha del cinema locale e da lì a poco irrompe nel grande giro dei festival internazionali, mettendosi sulla scia di Hou Hsiao-Hsien (il capostipite della Nouvelle Vague di Taiwan) ma soprattutto di Edward Yang, un cineasta Continua a leggere

White Ant

white antdi Chu Hsien-Che (Taiwan, 2016)

White Ant è la tèrmite, quell’insetto che vive e rosicchia nell’oscurità. Esattamente come il protagonista Bai Yide, un uomo solitario che lavora in una libreria, una persona in apparenza normale ma con una fissazione che lo accompagna fin da quando è piccolo, quella per la biancheria intima femminile. La prima scena è notevole: Bai ruba della lingerie che trova appesa fuori da una Continua a leggere