Orgasmo Nero

org nerodi Joe D’Amato (Italia/Repubblica Dominicana, 1980)

Il periodo caraibico di Joe D’Amato è ricco di pellicole in cui abbonda la commistione tra generi diversi. Sotto al sole di Santo Domingo, il cinema horror può diventare pornografico e viceversa (“Porno Holocaust”), ma c’è anche spazio per il melodramma che prende la piega di un film erotico: è il caso di “Orgasmo Nero”, il cui soggetto è ispirato Continua a leggere

Pubblicità

Emanuelle E Gli Ultimi Cannibali

emanuelle e gli ultimi cannibalidi Joe D’Amato (Italia, 1977)

Tra i vari film apocrifi della serie italiana dedicata a Emanuelle (ispirata a quella francese Emmanuelle, con una emme in più), questo in particolare ha delle prerogative che lo avvicinano non poco al cinema horror. Se non fosse per una componente softcore molto accentuata (per non dire dominante), potremmo persino accostare in toto questa pellicola ai contemporanei cannibal movies, un aspetto che Continua a leggere

A Lonely Cow Weeps At Dawn

a lonely cowdi Daisuke Gotô (Giappone, 2003)

Il cinema giapponese della perversione non finisce mai di stupirci: anche per questo motivo parlare di un pinku eiga non equivale a raccontare la storia di un filmetto softcore come tanti, proprio perché spesso in queste brevi pellicole tutto ha origine da un’idea malsana alle spalle. Il regista Daisuke Gotô rispetta i canoni del genere, dalla durata (intorno ai sessanta minuti) alla presenza del sesso su cui Continua a leggere

Tokyo Decadence

tokyo ddi Ryû Murakami (Giappone, 1991)

La versione italiana di “Tokyo Decadence” è praticamente un altro film: al contrario dei 135 minuti di durata dell’originale, da noi i tagli la accorciarono di circa quaranta minuti. Ma le scene scabrose non sono state affatto censurate, le sequenze mancanti infatti riguardano per lo più la vita privata della protagonista Ai (Miho Nikaido), la cui caratterizzazione del personaggio nell’edizione Continua a leggere

Flower And Snake

flower-and-snakedi Takashi Ishii (Giappone, 2004)

Takashi Ishii (classe 1946) è un regista, sceneggiatore e fumettista giapponese, salito alla ribalta soprattutto per i suoi pinku eiga (la serie “Angel Guts” nasce proprio dai suoi manga) e per alcuni crime/thriller di rilievo (nel 1995 dirige “Gonin” con Takeshi Kitano nel cast). L’occasione importante giunge nel 2004, quando egli rimette mano allo script di “Flower And Snake” (“Hana To Continua a leggere

Vixen

vixendi Russ Meyer (Stati Uniti, 1968)

Russ Meyer è stato sempre avanti con i tempi. Anche nel 1968, anno cruciale per i vari movimenti di contestazione socio-culturali, il regista era già su un’altra dimensione, emancipando la figura femminile ancor di più di quanto avesse fatto in passato ad esempio con “Faster, Pussycat! Kill! Kill!”(1965). Così fu il turno di Vixen, una formosa e avvenente donna che nel film vediamo fare collezione di Continua a leggere