The Pruitt-Igoe Myth

di Chad Freidrichs (Stati Uniti, 2011)

That’s why they call it the american dream, because you have to be asleep to believe it”. Quanta verità in questa frase di George Carlin, un personaggio che l’America l’aveva capita fin troppo bene. L’articolo di oggi lo apriamo proprio così, facendo anche un bel respiro profondo prima di immergerci dentro uno dei più fallimentari sogni americani di sempre Continua a leggere

Funny Face

di Tim Sutton (Stati Uniti, 2020)

Dopo la virata on the road di “Donnybrook” (2018), Tim Sutton ci conduce dalla campagna alla metropoli, ridisegnando ancora una volta la geografia del (suo) cinema. “Funny Face”, già passato sugli schermi di Berlino, è appena approdato alla trentottesima edizione del Torino Film Festival, un’occasione ghiotta per vedere in anteprima la sua pellicola Continua a leggere

Mery Per Sempre

mery per sempredi Marco Risi (Italia, 1989)

Che Marco Risi (figlio del celebre Dino) fosse interessato a un cinema di impegno sociale, lo si era già intuito nel 1987, quando nelle sale italiane uscì “Soldati – 365 All’Alba”, un piccolo ma significativo film manifesto sulle difficoltà della vita in caserma. La carriera del regista è proseguita per alcuni anni seguendo un registro piuttosto simile, attraverso una serie di opere di indubbio valore il cui vertice è Continua a leggere

Il Tocco Del Peccato

il tocco del peccatodi Jia Zhangke (Cina/Giappone/Francia, 2013)

Il cinema di Jia Zhangke rappresenta uno degli strumenti migliori per poter comprendere la Cina contemporanea e le sue mille contraddizioni sociali ed economiche. Tra le sue opere più conosciute ci sono due film in qualche modo legati tra loro, “Still Life” (vincitore a Venezia nel 2006) e “Il Tocco Del Peccato” (miglior sceneggiatura a Cannes nel 2013), due lavori entrambi ambientati in una Cina Continua a leggere