Most Beautiful Island

most beautiful islanddi Ana Asensio (Stati Uniti, 2017)

Con “Most Beautiful Island” l’attrice madrilena Ana Asensio (classe 1978) dimostra di essere in grado di saper far tutto, anche di dare un taglio quasi autobiografico a una storia incentrata su una ragazza immigrata (Luciana) sprovvista di documenti e in cerca di fortuna per le strade di New York. Un lavoro quindi suo al 100%, da lei sceneggiato, diretto e interpretato con quella Continua a leggere

Pubblicità

Creepshow

creepdi George A. Romero (Stati Uniti, 1982)

Negli ultimi anni abbiamo assistito a una notevole inflazione di film horror a episodi, opere spesso dirette da più registi e quindi non sempre capaci di seguire un filo logico (ed estetico) coerente. Oggi perciò ci siamo sentiti in dovere di ripescare dal cilindro un lavoro molto importante all’interno di questo filone, “Creepshow”, l’unione tra un grande regista (George A. Romero) e un grande scrittore Continua a leggere

Wounds

woundsdi Babak Anvari (Gran Bretagna, 2019)

I lunghi tentacoli di Netflix hanno raggiunto anche Babak Anvari, regista di origine iraniana (ma residente in Inghilterra) che nel 2016 si era messo in luce con il valido “Under The Shadow”, una sorta di risposta mediorientale – con implicazioni legate alla guerra – al più celebre “The Babadook” (2014). Con “Wounds” cambiano molte cose, perché Anvari ci trasporta in un presente storico dove il sovrannaturale Continua a leggere

Desperate Living

Desperate livingdi John Waters (Stati Uniti, 1977)

“Desperate Living” non nacque sotto una buona stella. David Lochary – un fedelissimo di John Waters – morì poco prima delle riprese, mentre Divine (la star assoluta di tutti i film precedenti) dovette rinunciare al suo ruolo poiché impegnata in un esclusivo tour teatrale. Nonostante queste defezioni, il regista di Baltimora è a dir poco ispirato e fin dai titoli di testa “Desperate Living” Continua a leggere

Bed Time

bed-timedi Jaume Balagueró (Spagna, 2011)

Dopo il successo ottenuto con “[Rec]” (2009) e “[Rec]²” (2011), il catalano Jaume Balagueró abbandona momentaneamente il timone che aveva condiviso insieme al collega Paco Plaza, lasciando che sia lui a dirigere il terzo “[Rec]³: Génesis” (2012), prima di ritornare alla regia della celebre saga con la chiusura definitiva del cerchio (il trascurabile “[Rec]4: Apocalipsis” del 2014) Continua a leggere

Goodnight Mommy

goodnightmommydi Veronika Franz e Severin Fiala (Austria, 2014)

“Ich Seh, Ich Seh” è un titolo eloquente. Io vedo, io vedo: il doppio che si manifesta all’ennesima potenza in un thriller psicologico molto più inquietante e disturbante rispetto a decine di horror dell’ultima ora. La regia è affidata a Veronika Franz (al debutto), già collaboratrice e co-sceneggiatrice per i film del marito Ulrich Seidl Continua a leggere