Hardware

hardwaredi Richard Stanley (Gran Bretagna, 1990)

Quando il budget non è alto, il cinema di fantascienza può giocarsi tante altre carte: la fotografia, le scenografie, la colonna sonora e molte altre felici intuizioni, praticamente quello che ha fatto Richard Stanley al suo primo lungometraggio, un film che sulla carta non inventa nulla di nuovo, assemblando atmosfere e iconografie del passato all’interno di un polveroso e avvolgente contesto Continua a leggere

Pubblicità

Turbo Kid

turbo kiddi François Simard, Anouk Whissell, Yoann-Karl Whissell (Canada/Nuova Zelanda, 2015)

Tutto torna. Anche gli anni ottanta, un decennio che viene percepito come qualcosa di affascinante per i trentenni di oggi (che in quel periodo sono nati senza però ricordare nulla) o di rassicurante per i quarantenni (che all’epoca erano bambini o preadolescenti), cresciuti con i “Gremlins” (1984), “I Goonies” (1985), “Grosso Guaio A Chinatown” Continua a leggere

Robot Holocaust

robot.holocaust.1986_frontdi Tim Kincaid (Stati Uniti, 1986)

Cosa possiamo salvare di questo “Robot Holocaust”? La locandina? Probabilmente sì. Il resto purtroppo è da buttare, poiché siamo davanti a un film talmente insulso sotto ogni punto di vista che molte pellicole simili (quelle italiane) diventano automaticamente dei capolavori al confronto. Stiamo parlando di cinema post-atomico, una serie di b-movie prodotti sull’onda Continua a leggere

Chopping Mall

supermarket horrordi Jim Wynorski (Stati Uniti, 1986)

Se George Romero ci aveva deliziato con “Zombi” (1978), ambientando buona parte della storia all’interno di un centro commerciale, otto anni dopo Jim Wynorski sostituisce i morti viventi con tre robot fuori controllo che braccano tutta la notte un gruppo di giovani rimasto all’interno di un grande magazzino per fare baldoria, nonostante l’orario di chiusura. Questi robot sono stati creati per garantire ordine e Continua a leggere