Gyo: Tokyo Fish Attack

gyo tfadi Takayuki Hirao (Giappone, 2012)

I manga di Junji Itō sono crudeli, raccapriccianti, malsani e bizzarri, una fonte inesauribile di idee e di contenuti per il cinema horror giapponese contemporaneo. Oltre ad aver ispirato una manciata di film piuttosto apprezzati dai suoi fan (tra i quali ricordiamo la lunga serie dedicata a “Tomie” oppure il weirdoUzumaki”), il lavoro di Itō ha dato il via alla realizzazione di un anime a dir Continua a leggere

Pubblicità

Caniba

canibadi Lucien Castaing-Taylor e Verena Paravel (Francia, 2017)

Nel 2017 “Caniba” vince il premio speciale nella sezione Orizzonti al Festival di Venezia, un riconoscimento gradito soltanto da una piccola fetta di pubblico e di critica. In effetti quello diretto dai registi Lucien Castaing-Taylor e Verena Paravel è un documentario piuttosto ostico, sia per l’argomento trattato che per il linguaggio estetico Continua a leggere

Uzumaki

uzumakidi Higuchinsky (Giappone, 2000)

Tra il 1998 e il 1999 Junji Itō scrive e disegna un manga destinato a colpire nel segno, “Uzumaki” (che tradotto significa spirale), un’opera che viene immediatamente trasposta sullo schermo grazie all’esordiente Akihiro Higuchi (il nickname Higuchinsky deriva dalle sue origini ucraine). Il regista segue a grandi linee la storia originaria ma realizza il film quando Junji Itō non ha ancora Continua a leggere

Liverleaf

liverleafdi Eisuke Naitô (Giappone, 2018)

“Liverleaf” prende spunto dal manga “Misumisô” di Rensuke Oshikiri, un’idea poi sceneggiata da Miako Tadano e trasformata in film da Eisuke Naitô, un regista non nuovo a raccontarci storie legate all’adolescenza. Questa pellicola è soprattutto un lavoro spaccato in due, in principio un teen drama incentrato sul bullismo e successivamente un revenge movie davvero Continua a leggere

Blade Of The Immortal

blade of the immortaldi Takashi Miike (Giappone, 2017)

“Blade Of The Immortal” (“Mugen No Jûnin”) rappresenta un traguardo importante per Takashi Miike, giunto alla sua centesima regia se includiamo anche i lavori televisivi. Se con “13 Assassini” (2010) il regista giapponese si rifaceva alla tradizione classica (Akira Kurosawa e ovviamente Eiichi Kudô, artefice del film originario nel 1963), “Blade Of The Immortal” prende ispirazione dal celebre manga di Continua a leggere

As The Gods Will

as-the-gods-will-posterdi Takashi Miike (Giappone, 2014)

Tra i lavori diretti da Takashi Miike negli ultimi anni, “As The Gods Will” è sicuramente quello che ha avuto maggiore riscontro da parte del pubblico (ricordiamo ancora gli applausi scroscianti dopo l’anteprima mondiale al Festival Internazionale del Film di Roma del 2014). L’ispirazione arriva da un manga scritto da Muneyuki Kaneshiro e illustrato da Akeji Fujimura: praticamente Continua a leggere