Bull

di Paul Andrew Williams (Gran Bretagna, 2021)

Paul Andrew Williams cambia decisamente direzione, dopo essersi cimentato prima con una sboccata horror comedy (“The Cottage”) e poi con un classico home invasion (“Cherry Tree Lane”), due film comunque trascurabili rispetto a molti altri titoli provenienti dalle terre albioniche. “Bull”, al contrario delle succitate opere, si tuffa fin da subito Continua a leggere

Pubblicità

Luna Park

luna parkdi Pavel Lungin (Francia/Russia, 1992)

Nel 1990 Pavel Semyonovich Lungin fa il suo esordio a Cannes vincendo il premio come miglior regista per “Taxi Blues”, un’opera che nell’anno successivo riuscì pure a entrare tra le nomination ai Golden Globes. Passano pochi mesi e il regista si trasferisce in Francia, cominciando a girare una manciata di pellicole prodotte proprio nel paese transalpino, tra le quali troviamo questo “Luna Continua a leggere

Carnival Of Souls

carnival of-soulsdi Herk Harvey (Stati Uniti, 1962)

“Carnival Of Souls” è un fulgido esempio di coraggio e innovazione. Nel 1962 il cinema horror europeo ha due modelli di riferimento importanti, il filone gotico in Italia e le pellicole della Hammer nel Regno Unito, mentre sull’altra sponda dell’oceano dominano i thriller e bisogna attendere qualche anno per la vera esplosione del genere nella sua accezione più pura. Una cosa è certa, i ghost movie Continua a leggere

Il Tunnel Dell’Orrore

il tunneldi Tobe Hooper (Stati Uniti, 1981)

Il 26 agosto del 2017 è morto Tobe Hooper. Uno dopo l’altro i pezzi da novanta dell’american horror ci salutano: restano però i loro film, non sempre perfetti, ma sicuramente importanti se contestualizzati nel periodo della loro uscita. Di “Non Aprite Quella Porta” (1974) e di “Quel Motel Vicino Alla Palude” (1976) abbiamo parlato in lungo e in largo, oggi quindi facciamo un salto in avanti di Continua a leggere