Wild Beasts

di Franco Prosperi (Italia, 1984)

Archiviato il lungo sodalizio con Gualtiero Jacopetti (“Mondo Cane”, “Africa Addio” e “Addio Zio Tom” sono dei titoli fondamentali nel controverso filone dei mondo movies), Franco Prosperi chiude la sua carriera dietro la macchina da presa girando un horror a tutti gli effetti, “Wild Beasts – Belve Feroci”. Questa occasione si rivela una sorta di ritorno Continua a leggere

Pubblicità

La Notte Della Lunga Paura

di William F. Claxton (Stati Uniti, 1972)

La fantasia è un ingrediente irrinunciabile per realizzare il più bizzarro dei b-movie: non basta però avere un’idea folgorante se mancano i mezzi necessari per poterla metterla in scena dignitosamente. Inoltre, siamo proprio sicuri che quella dei conigli assassini sia una trovata geniale? Di film con protagonisti degli animali killer ne abbiamo visti a palate, in Continua a leggere

Prophecy

prophecydi John Frankenheimer (Stati Uniti, 1979)

La Paramount investì un budget di circa dodici milioni di dollari per un film che invece si rivelò un flop al botteghino: parliamo di “Prophecy” (da noi “Profezia”), un eco-vengeance registicamente ineccepibile (John Frankenheimer è stato un regista tutt’altro che incapace) ma ingenuo negli effetti e troppo schematico nella narrazione. Una pellicola ancora legata al cinema degli anni settanta ma per Continua a leggere

Frogs

frogsdi George McCowan (Stati Uniti, 1972)

Davanti a una frase come questa (“io credo ancora che l’uomo debba dominare la natura”), diventa logico attendersi una risposta adeguata. La natura dunque si incazza. Molti decenni prima delle battaglie portate avanti da Greta Thunberg, sugli schermi spopola il cosiddetto filone eco-vengeance, del quale la ragazzina svedese andrebbe davvero orgogliosa: un sottogenere legato al cinema horror in Continua a leggere

Piranha

piranhadi Joe Dante (Stati Uniti, 1978)

Poco tempo dopo l’enorme successo ottenuto da “Lo Squalo” (1975), era possibile cavalcare l’onda vincente creata da Steven Spielberg con mezzi più risicati? Joe Dante ci è riuscito bene, altri meno. Da un regista formato da Roger Corman – quindi cresciuto con la giusta preparazione e con una grande passione per il cinema di genere – non poteva essere altrimenti. Sono dunque bastati poco Continua a leggere

Treevenge

treevengedi Jason Eisener (Canada, 2008)

Quando arrivano le feste natalizie puntualmente risbucano fuori vecchi proto-slasher di culto (pensiamo a “Black Christmas”), irriverenti mostriciattoli (“Gremlins”) o pellicole più orientate sul cinema fantastico tout court (recentemente vanno di moda gli horror sui Krampus). Ma ogni maratona sul tema che si rispetti non può assolutamente trascurare questo cortometraggio Continua a leggere

I Carnivori Venuti Dalla Savana

squirmdi Jeff Lieberman (Stati Uniti, 1976)

Ormai da molto tempo Jeff Lieberman (classe 1947) ha smesso di girare film, una carriera in realtà poco prolifica che avrebbe potuto regalarci maggiori soddisfazioni se solo il regista avesse avuto a disposizione risorse e stimoli più importanti. Eppure c’è poco da lamentarsi, i primi horror di Lieberman sono dei lavori di tutto rispetto: “I Carnivori Venuti Dalla Savana” (1976) è un debutto acerbo ma Continua a leggere

Alligator

alligatordi Lewis Teague (Stati Uniti, 1980)

Tra le leggende metropolitane più comuni negli Stati Uniti, quella relativa all’alligatore che vive nelle fogne delle grandi città è molto diffusa fin dal periodo a cavallo tra le due guerre mondiali. Il cinema horror non poteva che accodarsi a queste storie di fantasia con un discreto b-movie del 1980, realizzato anche grazie all’impulso di altre pellicole di successo incentrate sugli animali assassini (impossibile non Continua a leggere

Slugs

slugsdi Juan Piquer Simón (Spagna/Stati Uniti, 1988)

Se “Pieces” (1982) è diventato (nonostante tutto) un piccolo cult movie, “Slugs – Vortice D’Orrore” atterra sugli schermi quasi al limite, visto che nel 1988 le belle sensazioni legate al cinema horror degli anni ottanta si stavano lentamente esaurendo. Tra le pellicole di Juan Piquer Simón le due succitate restano comunque le più importanti: “Slugs” fu Continua a leggere

Non Si Deve Profanare Il Sonno Dei Morti

non si deve profanaredi Jorge Grau (Spagna/Italia, 1974)

Il regista catalano Jorge Grau ha diretto una trentina di film in carriera, ma noi lo ricordiamo soprattutto per questa coproduzione italo-spagnola, “Non Si Deve Profanare Il Sonno Dei Morti” (conosciuta pure con il titolo anglofono “The Living Dead At Manchester Morgue”). Anche se l’influenza di Romero è ben presente (anni prima, “La Notte Dei Morti Viventi” aveva aperto la Continua a leggere