Girolimoni, Il Mostro Di Roma

di Damiano Damiani (Italia, 1972)

Tra il 1924 e il 1927 a Roma sette bambine furono rapite, violentate e (cinque di loro) uccise da un misterioso pedofilo. Con la rabbia dei cittadini ormai impossibile da contenere, il regime fascista si ritrovò costretto a chiudere il caso incolpando un innocente, tale Gino Girolimoni, un ricco fotografo trasformato in capro espiatorio senza uno straccio Continua a leggere

Pubblicità

L’Istruttoria È Chiusa: Dimentichi

istrdi Damiano Damiani (Italia/Francia, 1971)

Damiano Damiani, oltre a essere stato uno dei migliori registi italiani di sempre, è stato pure un attento osservatore della realtà sociale e politica circostante, uno sguardo tramutatosi nel cosiddetto cinema di impegno civile (in tal senso i nostri titoli preferiti sono “Il Giorno Della Civetta”, “Confessione Di Un Commissario Di Polizia Al Procuratore Della Repubblica” e l’amarissimo “Io Continua a leggere

Amityville Possession

amityville_II_di Damiano Damiani (Stati Uniti/Italia, 1982)

La saga di Amityville non sembra conoscere pause. Tra remake e sequel (alcuni dei quali apocrifi) siamo arrivati a quota diciotto (incluso il recente “Amityville: Il Risveglio” di Franck Khalfoun), un labirinto di titoli per giunta di qualità medio-bassa, tranne rare eccezioni. Per districarsi al meglio all’interno di questo caos, oggi focalizziamo la nostra attenzione su quello che è ritenuto dagli Continua a leggere