Nope

di Jordan Peele (Stati Uniti/Giappone/Canada, 2022)

Jordan Peele è un regista sopravvalutato? Adesso, dopo aver visto “Nope”, una domanda di tale entità diventa più che lecita. Un peccato, perché se avevamo apprezzato non poco l’inquietante esordio “Get Out” (2017), già con il successivo “Us” (2019) la carne al fuoco si era drammaticamente moltiplicata: ambizioni forse eccessive per un nome entrato Continua a leggere

Pubblicità

Calm With Horses

di Nick Rowland (Gran Bretagna/Irlanda, 2019)

In Italia si sono adeguati al didascalico titolo statunitense, così “The Shadow Of Violence” è diventato “L’Ombra Della Violenza”, bypassando direttamente la denominazione originale (“Calm With Horses”) ripresa dall’omonimo racconto scritto da Colin Barrett. Da una parte l’ippoterapia e una situazione di ipotetica tranquillità, dall’altra invece la costante minaccia di Continua a leggere

Le Sang Des Bêtes

le sang des bêtesdi Georges Franju (Francia, 1949)

Se il fondamentale “Occhi Senza Volto” (1960) può essere definito un capolavoro del realismo fantastico, questo breve documentario di ventidue minuti è invece una pietra miliare del realismo estremo, a nostro avviso una delle opere più insostenibili mai realizzate sullo schermo. Ci troviamo nel 1949 e fino a quel momento, almeno a livello di cortometraggi, solo le provocazioni surrealiste di Luis Buñuel (“Un Continua a leggere