Super Fly

di Gordon Parks Jr (Stati Uniti, 1972)

Se Gordon Parks si può annoverare tra i padri fondatori della corrente blaxploitation (suo è infatti “Shaft” del 1971), suo figlio Gordon Parks Jr (scomparso prematuramente nel 1979) ce lo ricordiamo soprattutto per questo “Super Fly”, forse uno dei prodotti più suggestivi all’interno del succitato filone, anche grazie all’indimenticabile Continua a leggere

Pubblicità

Sweet Sweetback’s Baadasssss Song

sweet sweetbackdi Melvin Van Peebles (Stati Uniti, 1971)

Questo film è dedicato a tutti i fratelli e le sorelle che ne hanno abbastanza dell’uomo bianco”, con questa frase prende forma il cinema blaxploitation: un cinema indipendente, politico (almeno qui), rivoluzionario e in netta controtendenza con quello di Hollywood. Una partenza fulminante che ha poca voglia di scherzare, non a caso “Sweet Sweetback’s Baadasssss Song” era sostenuto e caldamente Continua a leggere

Ganja & Hess

g&hdi Bill Gunn (Stati Uniti, 1973)

Negli ultimi anni è (ri)nato un certo interesse attorno a “Ganja & Hess”, pellicola di culto del filone blaxploitation mai troppo considerata dalle nostre parti. Il merito di questa riscoperta è da attribuire a Spike Lee, artefice nel 2014 di un remake non ufficiale del film di Bill Gunn (un mediocre rifacimento da noi sbarcato direttamente in edizione home video con il titolo “Il Sangue Di Continua a leggere

Coffy

coffydi Jack Hill (Stati Uniti, 1973)

C’è un cinema exploitation pensato appositamente per gli afroamericani e chiamato comunemente blaxploitation. Durante i primi anni settanta assistiamo al proliferare di queste pellicole, facilmente riconoscibili per gli attori principali (tutti rigorosamente neri) e per le colonne sonore spesso orientate verso la musica soul o funk. Titoli come “Blacula” (1972), “Super Fly” (1972), “Coffy” (1973) e Continua a leggere

Switchblade Sisters

switchbladedi Jack Hill (Stati Uniti, 1975)

Il nome di Jack Hill è indissolubilmente legato al cinema exploitation, di cui è stato uno dei migliori rappresentanti. Se il delirio in b/n di “Spider Baby” (1967) ha lanciato il suo nome nei circuiti underground, le sue pellicole realizzate durante gli anni settanta lo hanno consacrato come uno dei Maestri del genere: pensiamo ai celebri women in prison “The Big Doll House” (aka “Sesso In Gabbia” Continua a leggere

Fight For Your Life

fightforlifedi Robert A. Endelson (Stati Uniti, 1977)

Con “Fight For Your Life” il politicamente scorretto è servito. Si tratta di un revenge movie non particolarmente conosciuto che nel 1981 finì dritto nella lista nera dei video nasty bannati in UK (nello stesso anno il film fu censurato anche in Svezia).
Il mattatore delle vicende è un sadico psicopatico di nome Jessie Lee Kane (interpretato da William Sanderson, qui molto bravo, diventerà celebre Continua a leggere