A Mezzanotte Possiederò La Tua Anima

di José Mojica Marins (Brasile, 1964)

Quasi in maniera beffarda, José Mojica Marins se ne è andato il 19 febbraio del 2020, spalancando le porte dell’inferno a lui tanto care (non a caso la pandemia si è manifestata su scala mondiale solo pochi giorni dopo). Scherzi a parte, ogni occasione è buona per ricordare questo regista di culto sudamericano, qui alle prese con un film da Continua a leggere

Pubblicità

Totò Che Visse Due Volte

toto che visse due voltedi Daniele Ciprì e Franco Maresco (Italia, 1998)

Un film degradante per la dignità del popolo siciliano, del mondo italiano e dell’umanità, offensivo del buon costume, con esplicito disprezzo verso il sentimento religioso e contenente scene blasfeme intrise di degrado morale”. Attraverso questo feroce attacco frontale, “Totò Che Visse Due Volte” fu bannato in prima istanza dalla commissione Continua a leggere

Metalhead

metalheaddi Ragnar Bragason (Islanda, 2013)

La musica heavy metal ormai ha raggiunto molte persone e non è un caso che alcuni film incentrati su di essa appassionino una fetta consistente di cinefili. Persino in Islanda – dove nel decennio in corso si è sviluppata una notevole scena black metal – qualcuno ha pensato di raccontare un dramma adolescenziale filtrandolo attraverso queste sonorità, in modo tale da unire la storia dell’elaborazione Continua a leggere

Il Quarto Uomo

il quarto uomodi Paul Verhoeven (Olanda, 1983)

Tre anni dopo il controverso “Spetters” (1980), Paul Verhoeven chiude il suo ciclo olandese con un altro lungometraggio molto discusso a causa dei suoi contenuti ambigui e pruriginosi. Il regista mantiene inalterata la sua impronta stilistica ma cambia completamente tipologia di film, staccandosi dal dramma di provincia del suo lavoro precedente per approdare al thriller vero e proprio. Un’opera intrisa Continua a leggere

Le Streghe Di Salem

le streghedi Rob Zombie (Stati Uniti/UK, 2012)

Dopo il promettente esordio “La Casa Dei 1000 Corpi” (2003) e lo scoppiettante “La Casa Del Diavolo” (2005), la successiva rivisitazione del personaggio di Michael Myers con la doppietta “Halloween – The Beginning” (2007) e “Halloween II” (2009) ha consentito a Rob Zombie di entrare definitivamente nel cuore di migliaia di appassionati di cinema horror. Con il quinto film era necessario Continua a leggere

Paradise: Faith

paradisedi Ulrich Seidl (Austria/Germania, 2012)

“Paradise: Faith” (“Paradies: Glaube”) è il secondo capitolo della trilogia amore fede speranza di Ulrich Seidl, originariamente pensata come un film unico diviso in tre parti. Premio speciale della giuria a Venezia nel 2012, “Paradise: Faith” è un lavoro che tocca da vicino i cambiamenti sociali di un paese come l’Austria, stravolto politicamente dall’avanzata dell’estrema destra nel corso degli ultimi anni Continua a leggere

Suor Omicidi

suor omicididi Giulio Berruti (Italia, 1979)

Fa sempre un certo effetto riguardare un film come “Suor Omicidi”, soprattutto perché la protagonista è l’attrice svedese Anita Ekberg, passata dal celebre bagno nella fontana di Trevi in “La Dolce Vita” (1960) di Fellini al cinema nunsploitation più atipico e bizzarro di questo lungometraggio (un declino comunque iniziato anni prima con varie apparizioni in pellicole poco degne di nota). Eppure Continua a leggere

I Diavoli

the devilsdi Ken Russell (Gran Bretagna, 1971)

Nel lontano 1634 in una piccola cittadina francese avvenne il più famoso caso di possessione demoniaca di massa della storia. Da questi eventi è stato tratto il libro I Diavoli Di Loudun del britannico Aldous Huxley, da cui poi John Whiting si è ispirato per un dramma teatrale nel 1960. Solo un grande visionario come Ken Russell poteva riprendere in mano queste controverse vicende Continua a leggere

Questa Notte Mi Incarnerò Nel Tuo Cadavere

esta-noite-encarnarei-no-teu-cadaverdi José Mojica Marins (Brasile, 1967)

José Mojica Marins aka Coffin Joe ha ottantuno anni ma ancora continua a fare cinema sia come attore che come regista di piccoli cortometraggi. Un beniamino non solo in Brasile, capace di regalarci una lunga serie di film incentrati sulla figura di Zé Do Caixão, personaggio ormai inscindibile dalla sua reale esistenza. Un’etichetta impossibile da rimuovere, un po’ come per il binomio Bruce Continua a leggere