Victoria

di Sebastian Schipper (Germania, 2015)

Quando un film è girato con un unico piano sequenza, c’è sempre un buon motivo per guardarlo. Al regista, agli attori ma soprattutto all’operatore (il cameraman norvegese Sturla Brandth Grøvlen è stato giustamente omaggiato durante i titoli di coda!) è infatti richiesto uno sforzo sovraumano, perché sbagliare significa dover fare tabula rasa per Continua a leggere

Pubblicità

Suspiria

suspiriadi Luca Guadagnino (Italia/Stati Uniti, 2018)

Il fatto che Luca Guadagnino abbia evitato di girare un remake in linea con il capolavoro di Dario Argento era piuttosto scontato, altrimenti sarebbe stata una scelta a dir poco masochista. Asserire quindi che il regista sia stato intelligente a invertire la rotta non apporta di certo un valore aggiunto al film in esame, poiché questo approccio in fin dei conti era l’unica strada possibile per realizzare un Continua a leggere

Berlin Syndrome

berlindi Cate Shortland (Australia, 2017)

Berlino è una città che disorienta, soprattutto chi la visita per la prima volta. Una metropoli senza punti di riferimento, eccetto quella gigantesca torre della televisione presso Alexanderplatz su cui sembra ruotare tutto. Per una giovane turista australiana non deve essere facile esplorare un luogo così grande, allora meglio fare subito amicizia con qualcuno del posto per non venire fagocitati dalle Continua a leggere

Possession

possession_1981di Andrzej Żuławski (Francia/Germania Ovest, 1981)

Le urla isteriche di Isabelle Adjani risuonano potenti ancora oggi. Perché “Possession” è un film disumano, mostruoso, permeato da uno strato permanente di angoscia e disperazione. Il vero capolavoro di Andrzej Żuławski.
Berlino (ancora divisa dal muro), 1981: quando Mark (Sam Neill) scopre il tradimento della moglie Continua a leggere

Christiane F. – Noi I Ragazzi Dello Zoo Di Berlino

christiane fdi Uli Edel (Germania Ovest, 1981)

La Berlino tossica descritta nel devastante resoconto autobiografico “Wir Kinder Vom Bahnhof Zoo” di Christiane Vera Felscherinow ha lasciato un segno indelebile nell’immaginario collettivo. Prostituzione minorile, droga, musica, un insieme di aspetti che si muovono all’interno di uno scenario suggestivo, quello di una metropoli dominata dalla gelida coltre dei palazzoni periferici Continua a leggere

German Angst

german angst posterdi Jörg ButtgereitMichal KosakowskiAndreas Marschall (Germania, 2015)

Il cinema horror tedesco, da tempo caduto in letargo e privo di grandi scossoni, ha tentato la via (ormai inflazionata) del film a episodi con questo “German Angst”, un lavoro prodotto da Michal Kosakowski (“Zero Killed”), qui impegnato anche nelle vesti di regista. Accanto a lui, un nome di culto del circuito estremo teutonico, Jörg Buttgereit Continua a leggere

Decoder

decoderdi Muscha (Germania Ovest, 1984)

“Decoder” è uno di quei film di culto destinati a una cerchia ristretta di fan. Un prodotto underground partorito nel 1984 da un collettivo di artisti stanziati tra Berlino e Amburgo, nel pieno fermento di una rivoluzione cyberpunk che stava prendendo piede in alcuni ambienti impregnati di controcultura sovversiva. L’opera, concepita dal guru Klaus Maeck, ha un appeal unico e difficilmente Continua a leggere