L’Ultima Onda

di Peter Weir (Australia, 1977)

Peter Weir realizza “L’Ultima Onda” (“The Last Wave”) a due anni di distanza dal mystery movie per eccellenza, “Picnic Ad Hanging Rock” (1975). Se quest’ultimo è indubbiamente il primo grande capolavoro del regista di Sydney, la pellicola in esame si può tuttavia annoverare tra le sue opere più sottovalutate. C’è un filo invisibile che lega questi due Continua a leggere

Pubblicità

Matar A Dios

di Caye Casas e Albert Pintó (Spagna/Francia, 2017)

Dio esiste? Si può uccidere? Ma soprattutto, se davvero fosse un uomo in carne e ossa, sarebbe un infame nano barbuto che beve vino come se non ci fosse un domani? “Matar A Dios” (“Killing God” per il mercato internazionale) non risponde quasi a nessuna di queste domande, però prova a scherzarci sopra buttando nella mischia una tonnellata di black humour e Continua a leggere

Melancholia

di Lars Von Trier (Danimarca/Svezia/Francia/Germania, 2011)

In un periodo storico di pandemie e di incertezze globali, la vita per i fobici e per gli ipocondriaci non deve essere affatto semplice: chiedere a Lars Von Trier, un personaggio sui generis anche per via delle sue costanti paure quotidiane. Inoltre il regista danese ha sofferto di depressione per lungo tempo, ma questo è un altro discorso, non a caso proprio Continua a leggere

Il Signore Del Male

il signore del maledi John Carpenter (Stati Uniti, 1987)

“Il Signore Del Male” (“Prince Of Darkness”) è un lungometraggio complesso e articolato che alterna grandi suggestioni teoriche a una sovrabbondanza di tematiche e argomenti trattati. Ma è anche il vero film apocalittico di John Carpenter, quello in cui l’attesa per la fine dei tempi diventa l’unico motore narrativo, in un rimbalzo continuo tra realtà tangibile e orrore metafisico. Nonostante il Continua a leggere

Starfish

starfishdi A.T. White (Stati Uniti, 2018)

Dopo l’immancabile gavetta (una manciata di cortometraggi), anche A.T. White debutta sulla lunga distanza e lo fa con un film tanto originale quanto ambizioso. Questo “Starfish” è un mystery movie ma allo stesso tempo è pure uno sci-fi/horror dai contorni post-apocalittici, una commistione tra generi che rimette in circolo una serie di sensazioni già assaporate in passato (qui però alimentate da un Continua a leggere

La Quinta Stagione

la cinquieme-saison-25613-600-600-Fdi Peter Brosens e Jessica Woodworth (Belgio/Olanda, 2012)

Dopo le steppe della Mongolia (“Khadak”) e le montagne del Peru (“Altiplano”), la coppia di registi composta da Peter Brosens e Jessica Woodworth torna in patria per un terzo lungometraggio di alto livello. Giocare in casa (in Belgio) significa conoscere a memoria il proprio territorio ma soprattutto il proprio background culturale, visto Continua a leggere

These Final Hours

these finaldi Zak Hilditch (Australia, 2013)

In Australia hanno sempre avuto un buon feeling con il cinema apocalittico, sicuramente più da un punto di vista di taglio exploitation (la storica saga di “Mad Max”) che da un versante puramente drammatico. “These Final Hours” prova a mettere d’accordo un po’ tutti mescolando sangue e violenza con una storia dai contorni più umani e terreni, nella quale i sentimenti fanno ancora Continua a leggere

Rats – Notte Di Terrore

Ratsdi Bruno Mattei (Italia, 1984)

E se un giorno il mondo fosse dominato dai topi? Nel 1984 Bruno Mattei e Claudio Fragasso (non accreditato) realizzano un piccolo cult (almeno per qualcuno) del cinema post-atomico italiano, dopotutto “Rats” è un film che si appropria di una componente horror tanto efficace quanto divertente. Al di là dei suoi evidenti difetti.
In seguito a un olocausto nucleare, i pochi Continua a leggere

Kuso

kusodi Flying Lotus (Stati Uniti, 2017)

The Big One è il nome che è stato affibbiato a un ipotetico devastante terremoto che potrebbe colpire la California entro i prossimi trent’anni. Gli studiosi parlano di catastrofe (decimo grado della scala Richter), i registi invece si spingono oltre: quello che vediamo in “Kuso” racconta la vita di alcuni sopravvissuti dopo la distruzione di Los Angeles, ma più che da un terremoto la città sembra essere stata Continua a leggere