Zombi Child

zombi childdi Bertrand Bonello (Francia, 2019)

Con il precedente “Nocturama” (2016) Bertrand Bonello aveva omaggiato non troppo velatamente il cinema di George A. Romero, ambientando la parte finale della sua pellicola all’interno di un inquietante centro commerciale in cui mancavano soltanto i morti viventi. Suggestioni e sensazioni che stavolta aprono la strada a una rivisitazione esplicita legata al mondo degli zombi, già a partire Continua a leggere

Pubblicità

Midsommar

midsommardi Ari Aster (Stati Uniti, 2019)

Un anno dopo il fin troppo strombazzato “Hereditary” (2018), atterra nelle sale il secondo lungometraggio di Ari Aster, un banco di prova importante per testare le sue effettive capacità. Il giovane regista newyorkese (classe 1986) questa volta convince maggiormente, grazie a una pellicola più sobria e più quadrata rispetto ai voli pindarici messi in scena nella precedente. Un passo in avanti Continua a leggere

Into The Inferno

into the infernodi Werner Herzog (UK/Germania, 2016)

Tra gli ultimi documentari diretti dal grande Werner Herzog spicca questo “Into The Inferno”, curiosamente approdato persino sulla piattaforma Netflix. Si tratta dell’ennesimo viaggio alla scoperta del rapporto tra uomo e natura, un binomio inscindibile già a partire dai più celebri film diretti dal regista tedesco. Herzog è accompagnato in giro per il mondo dal vulcanologo britannico Clive Continua a leggere

The Mafu Cage

mafudi Karen Arthur (Stati Uniti, 1978)

“The Mafu Cage” è un film del 1978 diretto da Karen Arthur, regista originaria del Nebraska finita presto nel mondo della televisione. Si tratta di un’opera segnata in modo indelebile dallo sguardo femminile (e in parte femminista) della Arthur, qui capace di mettere in scena un lavoro originale e ricco di significati, pur con un budget molto limitato. Una pellicola purtroppo rimasta per tanto Continua a leggere

Wake Wood

wake wooddi David Keating (Irlanda/Gran Bretagna, 2009)

L’horror folkloristico è un sottogenere che negli anni si è sviluppato relativamente poco rispetto alle sue reali potenzialità. Si tratta di quei titoli che non solo sfruttano al meglio determinate location circoscritte, ma che utilizzano usanze e costumi del posto per mettere in scena un terrore arcaico, oscuro e antropologico. Un discorso che si può ricondurre all’horror padano di Pupi Avati o Continua a leggere

Cannibal Holocaust

71Fz1sXuI+L._SL1024_di Ruggero Deodato (Italia, 1980)

“Cannibal Holocaust” è il cannibal movie per eccellenza. Ma è anche uno dei film più estremi mai concepiti, uno shock per lo spettatore e allo stesso tempo una testimonianza cruda e realistica del sempre controverso rapporto tra mondo occidentale e mondo primitivo. In questa retrospettiva, tornare sulla trama e sulle tante parole versate negli ultimi trentasette anni Continua a leggere