Chi L’Ha Vista Morire?

chidi Aldo Lado (Italia/Francia, 1972)

La prima cosa che resta ben impressa di questa pellicola è la nenia ossessiva cantata dai bambini, un coro di voci bianche che viene riproposto più volte durante le scene del film: l’artefice di questo ansiogeno score è un certo Ennio Morricone, qui alle prese con una delle sue colonne sonore più sottovalutate di sempre. Al resto ci pensa invece Aldo Lado, attraverso un discreto giallo di Continua a leggere

Pubblicità

La Corta Notte Delle Bambole Di Vetro

la corta.di Aldo Lado (Italia/Jugoslavia, 1971)

Sarebbe stato affascinante ricordare “La Corta Notte Delle Bambole Di Vetro” con la sua denominazione originaria (“Malastrana”, antico quartiere di Praga). Nel mondo del cinema però tutto cambia vertiginosamente, persino i titoli. Il criptico “Malastrana” è così diventato “La Corta Notte Delle Farfalle”, ma poi per non confonderlo con il contemporaneo “Una Farfalla Con Le Ali Continua a leggere

L’Ultimo Treno Della Notte

ultimodi Aldo Lado (Italia, 1975)

Durante la stagione d’oro del giallo all’italiana, Aldo Lado cala un tris di pellicole (sottovalutate) che non sfigurano affatto al cospetto di quelle più celebrate. “La Corta Notte Delle Bambole Di Vetro” (1971) e “Chi L’Ha Vista Morire?” (1972) restano legate al genere di riferimento (variando comunque sul tema in maniera originale), mentre “L’Ultimo Treno Della Notte” (1975) si stacca in modo netto dal passato Continua a leggere