Emanuelle E Gli Ultimi Cannibali

emanuelle e gli ultimi cannibalidi Joe D’Amato (Italia, 1977)

Tra i vari film apocrifi della serie italiana dedicata a Emanuelle (ispirata a quella francese Emmanuelle, con una emme in più), questo in particolare ha delle prerogative che lo avvicinano non poco al cinema horror. Se non fosse per una componente softcore molto accentuata (per non dire dominante), potremmo persino accostare in toto questa pellicola ai contemporanei cannibal movies, un aspetto che Continua a leggere

Prey

preydi Norman J. Warren (Gran Bretagna, 1977)

Sgombriamo il tavolo da ogni dubbio, “Prey” da noi è stato successivamente intitolato “Terrore Ad Amityville Park” solo per accodarsi ai film della saga di Amityville. Una trovata fuorviante, poiché quello di Norman J. Warren è un lavoro distante anni luce dalle tematiche legate al paranormale o al demoniaco. Qui il protagonista è un alieno che sbarca sulla terra entrando nella vita quotidiana di Continua a leggere

Eraserhead

eraserheaddi David Lynch (Stati Uniti, 1977)

Se alcuni film rappresentano un passaggio obbligato per il cinema estremo, altri si spingono ancora più a fondo, incarnando l’essenza stessa della nostra amata filmografia di confine. Come un nuovo Big Bang, “Eraserhead” nel 1977 sprigiona un’energia di rara intensità estetica e concettuale: il primo lungometraggio firmato David Lynch diventa così un punto di riferimento basilare per le Continua a leggere

Sette Note In Nero

7di Lucio Fulci (Italia, 1977)

“Sette Note In Nero” è probabilmente il film più sottovalutato di Lucio Fulci. Il motivo è semplice, il 1977 è un anno in cui il giallo all’italiana ha già segnato il passo lasciando spazio ad altre derive cinematografiche: Dario Argento è in piena fase horror (“Suspiria”) e registi acclamati come Sergio Martino o Umberto Lenzi si stanno dedicando a progetti differenti (western, film di avventura Continua a leggere

L’Occhio Nel Triangolo

l'occhio nel triangolodi Ken Wiederhorn (Stati Uniti, 1977)

I nazisti e il cinema horror. Un connubio che negli ultimi anni ha ricevuto molte attenzioni è proprio quello dei nazi-zombi, salito agli onori della cronaca grazie al successo di pellicole spassose come “Dead Snow” (2009), “Dead Snow 2: Red vs Dead” (2014) o di altri prodotti più artigianali ma comunque apprezzati dal punto di vista iconografico (la saga di “Outpost” ma soprattutto il delirante Continua a leggere

Sentinel

sentineldi Michael Winner (Stati Uniti, 1977)

Il primo squarcio di “Sentinel” è un panorama su Firenze con uno stacco sulla campagna circostante, mentre risuona il tocco delle campane e alcuni alti prelati fanno il loro ingresso dentro una chiesa. Un incipit made in Italy un po’ come era avvenuto per “The Omen” (1976), quella santità cattolica tipica del nostro paese che poi viene messa direttamente in contrasto con il maligno. Anche se “Sentinel” Continua a leggere

Autostop Rosso Sangue

autostop_di Pasquale Festa Campanile (Italia, 1977)

Quando l’Abruzzo diventa la California. Per alcuni registi italiani una consuetudine, soprattutto la zona attorno a Campo Imperatore. Succede anche per questo atipico film diretto da Pasquale Festa Campanile, solitamente impegnato nella commedia, un sadico road movie con protagonisti tre volti noti che bucano lo schermo: Franco Nero (qui Walter Mancini), Corinne Cléry (Eve Mancini) Continua a leggere